Manuale di progeCAD Professional L'alternativa ad AutoCAD a basso costo

Indice



Vuoi provare progeCAD Professional?
Scarica la trial: avrai la possibilità di provare il prodotto, senza alcuna limitazione, per 30 giorni!

Una pagina del manuale al giorno... Fai clic qui per vedere l'indice del manuale.

Disegno in tre dimensioni - Visualizzazione di oggetti in tre dimensioni - Eseguire una delle seguenti operazioni:

Vista Dinamica 3D

La vista dinamica definisce la proiezione parallela o le viste prospettiche utilizzando un apparecchio fotografico (Camera) e un punto di mira.

 
Per creare una vista dinamica 3D
  1. Eseguire una delle seguenti operazioni:
  2. Selezionare Visualizza > Vista dinamica 3D
  3. Digitare Vistad e quindi premere Invio.
  4. Selezionare gli oggetti da utilizzare nell'immagine di anteprima quando vengono impostate le opzioni e cambiano le viste. Se viene selezionato un numero eccessivo di oggetti, vengono rallentate le operazioni di trascinamento e aggiornamento delle immagini.
  5. Scegliere un'opzione per creare la prospettiva.
  6. Nel comando vista dinamica si hanno le seguenti opzioni:
  7. Camera: Specifica una nuova posizione per l'apparecchio fotografico facendolo ruotare attorno al punto di mira. L'ampiezza della rotazione è determinata da due angoli: l'angolo nel piano XY e quello dal piano XY.
    Nella figura è illustrato l'effetto della rotazione dell'apparecchio fotografico dalla posizione iniziale verso destra, lasciando invariato l'angolo rispetto al piano XY.


    Nella finestra del comando si vedono le seguenti voci:
  • Rotazione: specifica la posizione dell'apparecchio fotografico attraverso i pulsanti di rotazione intorno agli assi. Il valore di default per gli incrementi di rotazione è di sei gradi e può essere modificato dalla casella cambia di. I pulsanti superiori determinano rotazioni positive mentre quelli inferiori rotazioni negative.
  • Angolo nel piano XY dall'asse X: Indica la posizione dell'apparecchio fotografico con un angolo nel piano XY rispetto all'asse X del sistema UCS corrente. Un angolo di rotazione uguale a 0 gradi produce una vista verso l'asse X del sistema UCS in direzione dell'origine.
  • Angolo dal piano XY: indica la posizione dell'apparecchio fotografico con un angolo al di sopra o al di sotto del piano XY. L'impostazione di un angolo di 90 gradi consente una vista dall'alto verso il basso, mentre un angolo di -90 gradi consente una vista dal basso verso l'alto. Con un angolo di 0 gradi, l'apparecchio fotografico viene posizionato in direzione parallela al piano XY del sistema UCS.
  • Zoom: Estensioni: Visualizza alla massima estensione consentita dallo schermo. Avvicinamento: Raddoppia l'ingrandimento corrente della visualizzazione. Allontanamento: Riduce della metà l'ingrandimento corrente
  • Target: Specifica una nuova posizione per il punto di mira facendolo ruotare attorno all'apparecchio fotografico. Questo effetto equivale a quello che si ottiene ruotando la testa per vedere altre viste del disegno a partire da un unico punto fisso. L'ampiezza della rotazione è determinata da due angoli.


    L'opzione TArget attiva la maschera per la rotazione del punto di mira.
  • RVista: Ruota o inclina la vista attorno alla linea di visione. L'angolo di inclinazione viene misurato in senso antiorario con 0° a destra.
    Nell'immagine, la vista è ruotata di 20°
  •  
  • Distanza: Sposta l'apparecchio fotografico avanti o indietro lungo la linea di vista rispetto al punto di mira. Questa opzione attiva la vista prospettica che consente di visualizzare gli oggetti più distanti dall'apparecchio fotografico con dimensioni inferiori rispetto a quelli più vicini e le linee che rappresentano gli oggetti convergenti o divergenti. L'icona del sistema di coordinate viene sostituita da un'icona speciale della vista prospettica. Viene chiesto di specificare una nuova distanza fra l'apparecchio fotografico e il punto di mira.

    Le illustrazioni mostrano l'effetto dello spostamento dell'apparecchio fotografico lungo la linea di visuale in rapporto al punto di mira, mentre il campo di visualizzazione resta costante.
    Se l'apparecchio fotografico e il punto di mira sono molto vicini ed è stata specificata una distanza focale lunga, si otterrà una vista molto limitata del disegno al momento di specificare una nuova distanza. In questo caso, provare a selezionare o digitare una distanza maggiore. Per ingrandire il disegno senza attivare la vista prospettica, utilizzare l'opzione Zoom del comando VISTAD.
  • Punti: Imposta la posizione dell'apparecchio fotografico e del punto di mira mediante le coordinate X,Y,Z. È possibile utilizzare i filtri XYZ.
    Una linea elastica collega il punto di mira con il puntatore a croce per consentire il posizionamento dell'apparecchio fotografico in rapporto al punto di mira.
    Per consentire la definizione di una nuova linea di visuale, viene disegnata una linea elastica che collega la posizione corrente dell'apparecchio fotografico e il puntatore a croce. Viene richiesto di specificare una nuova posizione per l'apparecchio fotografico.
  • Off: Disattiva la visualizzazione prospettica. L'opzione Distanza attiva la prospettiva.
  • Nascondi: Sopprime le linee nascoste sugli oggetti selezionati per migliorare la visualizzazione. I cerchi, i solidi, le tracce, le regioni, i segmenti di polilinee spesse, le facce 3D, le mesh poligonali e gli spigoli estrusi di oggetti con spessore diverso da zero vengono considerati superfici opache che nascondono oggetti. La soppressione delle linee nascoste è più rapida rispetto all'esecuzione della stessa operazione con il comando NASCONDI, ma non consente di eseguire la stampa.
  • Pan: Sposta la visualizzazione senza modificare il livello di ingrandimento.
  • Zoom: Quando la visualizzazione prospettica è disattivata, le dimensioni apparenti degli oggetti nella finestra corrente vengono incrementati o ridotti dinamicamente. Quando la visualizzazione prospettica è attiva, Zoom permette di adeguare la lunghezza focale dell'apparecchio fotografico, cioè di modificare il campo visivo, aumentando o riducendo la parte di disegno visibile per la stessa distanza punto di mira/apparecchio fotografico. La distanza focale di default è 50 mm, che consente di simulare la vista che si otterrebbe con un apparecchio fotografico da 35 mm e un obiettivo da 50 mm. Aumentando la distanza focale si ottiene un effetto simile a quello prodotto da un teleobiettivo. Diminuendo la distanza focale si ingrandisce il campo di visualizzazione con un effetto simile a quello di un obiettivo grandangolare.
  • NOTA: Mentre si esegue il comando Vista Dinamica 3D è possibile utilizzare le combinazioni veloci di tasti e la rotella centrale del mouse per eseguire le opzioni di Zoom e Pan ed eseguire l'Orbita del disegno.
  1. Per ottenere rapidamente delle viste in prospettiva è possibile utilizzare i comandi per le prospettive degli Express Tools. Per maggiori dettagli See Prospettiva.